Attacco Hacker o semplice virus?

su
Gnius
immagine al post Attacco Hacker o semplice virus?

Se leggiamo le notizie di oggi e di ieri vediamo più o meno sempre lo stesso titolo: Attacco Hacker.
Ma è veramente un “attacco hacker”?
virus-ransomware

C’è molta differenza tra un attacco hacker e un virus, ed è importante distinguerli perché i danni che fanno sono molto diversi.
Vediamo perché quello che sta accadendo non è un attacco hacker ma è solo un complesso virus,
spiegando cos’è un attacco hacker e cos’è un virus.

Cos’è un Attacco Hacker

Un attacco hacker come dice la parola stessa è un attacco.
Il che significa che ci sono persone che hanno scritto dei programmi per arrivare ad uno scopo,
e possono essere tanti come bloccare un sito web, rubare dei dati, pubblicare news di protesta o propaganda su siti di giornali,
rubare dati di login di utenti, rubare i dati di carte di credito, rubare progetti industriali o governativi.

Quasi mai hanno uno scopo di lucro così diretto come quello che vediamo questi giorni,
ma soprattutto sono attacchi indirizzati verso un sistema o un ente o una società precisa,
e non vanno mai a colpire la popolazione a caso, al massimo la sfruttano come “ponte”.

Come difendersi dagli attacchi hacker

Se sei una persona comune probabilmente non hai di che preoccuparti, che motivo hanno di attaccare il tuo pc?

Se sei un VIP o un politico allora forse è meglio evitare di lasciare il pc acceso quando non lo si usa,
non usare Windows, ma usare sistemi più sicuri, come Linux ad esempio, o in alternativa un Mac,
togliendo però il backup su iCloud e quelli aggeggi costosi della Apple per i backup.
Vi ricordate delle foto di Jennifer Lawrence?

Evitate di aggiornare sempre tutto all’ultima versione, perché di solito le versioni di software più recenti hanno errori non corretti,
e quindi dei potenziali punti d’accesso al pc.
In una versione di 2 anni fa siamo sicuri che almeno gli errori più frequenti e punti d’accesso sono stati corretti e chiusi.

 

Cos’è un virus

Un virus è un programmino che viene nascosto all’interno di altri file o programmi che fa qualcosa di fastidioso,
come ad esempio quello che sta accadendo in questi giorni che cripta il disco e blocca l’esecuzione di windows,
chiedendo poi un riscatto in bitcoin.
In gergo si chiamano Ransomware, è l’unione di 2 parole:
Ransom che significa riscatto
Ware che viene oramai messo alla fine di ogni nuova parola che ha a che fare con il software,
io per esempio ho una speranza ancora molto viva di vedere il BeerWare, software pagato con la birra.

Il virus non ha un obiettivo, si propaga in maniera più che altro casuale e di solito sta inoculato in file inutili,
come finte fatture mandate via mail, in foto jpg, nei font scaricati da strani siti e così via.
I virus fanno tendenzialmente casini e danni senza degli scopi particolari, in questo caso particolare tendono a infettare più computer possibili,
perché per il suo funzionamento deve cercare di arrivare a più “polli” possibili.

Come difendersi dai virus

Anche qui il sistema operativo è il cuore di ogni protezione.
Se potete scegliere usate Linux o il Mac, che per la loro struttura tecnica sono più robusti per quanto riguarda i virus.
Se dovete per forza usare Windows comprate un buon Antivirus, come BitDefender o Karspersky.
Se avete cose importanti sul pc allora vanno protette come si deve, diffidate degli antivirus gratuiti e spendete questi 50€ l’anno!

Evitate di inserire chiavette USB non passate per la scansione dell’antivirus, ma soprattutto,
evitate di aprire allegati di email che non vi interessano.
Vi arrivano fatture strane o lettere strane da indirizzi che non conoscete? Non aprite l’allegato!
Se volete stare più sicuri usate web mail e non i programmi, perché le web mail hanno dei controlli maggiori per quel che riguarda i virus,
e poi c’è sempre il vostro antivirus no?

Ma la cosa più importante di tutte è:
Non usate il pc di lavoro come quello di casa, evitate di leggere mail personali, evitate di installare giochini anche se sono stupidi,
evitate di installare fonts e altre cose che non vi servono al lavoro, è proprio in queste cose che nascondono i virus.

Approfondimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi