Antifurto casa, tutto quello che devi sapere

su
Gnius
immagine al post Antifurto casa, tutto quello che devi sapere

Tutto quello che devi sapere sull’antifurto casa per capire come scegliere il migliore,
per proteggersi dai ladri e vivere serenamente.

Come funziona un antifurto casa

L’antifurto casa non è solo un sistema di allarme, ma è anche un deterrente efficace per far capire ai ladri che non è facile entrare in casa nostra.
Se vogliamo schematizzare il funzionamento di un antifurto casa possiamo dividerlo in 2 elementi i rilevatori e la centralina.
Oggigiorno un buon sistema di antifurto per casa è composto da dei rilevatori, che chiamiamo sensori, che sono controllati da una centralina elettronica.
I sensori sono di 2 tipi diversi, sensori di segnale e sensori ambientali.
Mentre i rilevatori di segnale scattano quando un segnale viene disattivato, quelli ambientali scattano quando c’è un cambiamento nell’ambiente controllato.

Le centraline invece possono essere di tanti tipi diversi, con sistemi wireless, centraline programmabili da smartphone via internet,
centraline con schede SIM per avvisare via rete telefonica cellulare, con sistemi di controllo della corrente elettrica e via dicendo.
Oramai sono tutte wireless, ed essendo il cuore dell’impianto di allarme la giusta centralina è fondamentale per scegliere il miglior allarme senza fili per la casa.

antifurto casa

Come funzionano i Sensori di un antifurto casa

Abbiamo visto che esistono 2 famiglie di sensori, quelli di segnale e quelli ambientali.
I sensori del primo tipo rilevano l’interruzione di un segnale conosciuto, facendo così scattare l’allarme,
mentre i sensori del secondo tipo rilevano un cambiamento un una zona controllata.
Vediamo in dettaglio come funzionano questi sensori.

Sensori d’apertura

I rilevatori di segnale più popolari antifurto casa sono i sensori d’apertura che si installano sulle porte e finestre,
quando sono chiuse un segnale elettromagnetico passa dal sensore fisso installato sulla cornice a quello mobile installato sulla finestra.
Il punto debole di questi rilevatori è che basta una grossa calamita per renderli inefficaci.

Sensori ad infrarossi

I sensori ad infrarossi sono quelli che comunemente vediamo davanti ai cancelli automatici.
Questi rilevatori di segnale sono composti da una lampadina a luce ad infrarossi, invisibile ad occhio nudo, viene rilevata da un ricevitore, il passaggio di una persona fa interrompere il fascio di luce che fa scattare l’allarme.
Per questo vengono usati come sensori per gli impianti di allarme perimetrali, perché si riescono a creare fasci lunghi diversi metri.
Il punto debole di questi sensori è che è possibile con altre lampade ad infrarossi ingannare il ricevitore.

Sensori di movimento

Un altro uso dei raggi infrarossi è quello dei sensori di movimento, o sensori PIR.
Questi sensori funzionano grazie al fatto che ogni oggetto o corpo emette più o meno raggi infrarossi in base al calore del corpo stesso.
I sensori rilevano se nella zona controllata ci sono cambiamenti di temperatura e in caso di cambiamenti fanno scattare l’allarme.
Il punto debole di questi sensori è che basta che il ladro si isoli termicamente per non essere rilevato.
Sembra una cosa complicata ma in realtà basta del semplice cartone.

Sensori a microonde

I sensori a microonde sono al momento i più efficaci perché sfruttano una cosa che si chiama “effetto doppler”.
In pratica sono dei piccoli radar.
Per capire come funziona un sensore a microonde di un antifurto casa pensate ad un ambulanza che vi passa vicino.
Il suono dell’ambulanza diventa più acuto mentre si avvicina a voi e diventa più greve quando si allontana.
Un sensore a microonde rileva questo cambiamento ma invece che farlo sul suono, lo fa sulle microonde che trasmette.
Il punto debole di questo sensore è che ci sono materiali e strumenti che possono disperdere le microonde, accecando il rilevatore.

Telecamere e antifurto casa

Non metto le telecamere tra i sensori perché ad oggi le migliori telecamere di sorveglianza degli antifurto casa sono dei sistemi molto complessi,
ed il costo non è affatto proibitivo.
Le migliori telecamere di sorveglianza hanno un software che rileva i movimenti nella zona ripresa dalla telecamera stessa.
Non lavorando nella rilevazione di segnali sono molto difficili da ingannare e sono il deterrente più grande per un ladro,
perché non solo fanno scattare allarmi, ma permettono di fotografare e riprendere il ladro in azione.
Il prezzo di queste telecamere è anche molto conveniente, per fari un’idea basta cercare telecamere di sorveglianza su Amazon.

 

Approfondimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi