Come togliere Websearches come predefinito

su
Gnius
immagine al post Come togliere Websearches come predefinito

togliere websearches  come predefinitoAprendo il vostro browser abituale scoprite che la pagina iniziale di navigazione, quella che abitualmente usate per cominciare ad esplorare il web, non appare più, ma è stata sostituita da una pagina con indirizzo “Istart.websearches.com” o comunque ad una pagina in cui è presente uno pseudo-motore di ricerca del tipo “web.search.com” o simili?

Vuol dire che state vivendo l’irritante esperienza di aver installato sul vostro pc, sicuramente inavvertitamente, un software poco simpatico, un “reindirizzatore” di pagine web che in maniera non trasparente e ingannevole, ogni volta che lanciate un browser, sia esso I.E., Firefox o Chrome, ad ogni nuovo avvio vi indirizzerà sempre su “websearches.com” o pagine analoghe, anche se avete tentato di aggirare il problema chiudendolo e riavviandolo.
In senso strettamente tecnico, questi software non sono virus, e generalmente non provocano danni ai computer sui quali operano e ai file in essi conservati. Sono però estremamente sgradevoli e rendono praticamente impossibile una navigazione del web fluida e libera, rallentando e ostacolando ogni nostra scelta. Si tratta di “hijacker“, “dirottatori” che prendono il controllo dei browser, costringendoci a puntare siti web e motori di ricerca che non abbiamo scelto, installando spesso anche barre degli strumenti indesiderate e aprendo una serie infinita di finestre pop up pubblicitarie.

Step 1

Nella quasi totalità dei casi, questi software malevoli, che si installano quando scarichiamo dei programmi gratuiti, non prevedono uno strumento di disinsatallazione, e se questo avviene, la disinstallazione è anch’essa subdola, perché non completa, e all’avvio successivo del computer o del browser ci ritroveremo nella situazione di prima. Vale la pena comunque di fare un primo tentativo e provare a disinstallare qualsiasi programma che abbia le parole “websearch” o “webserches” che dovesse apparire accedendo alla funzione “disinstalla un programma” dal pannello di controllo sia in Windows XP che in Windows 7 o Windows 8.

Scoprirete che quasi sempre, purtroppo, questo o è impossibile perché il programma non appare nella finestra di disinstallazione, o è insufficiente perché il programma ricomparirà in modo subdolo.

Step 2

Passiamo allora alla seconda fase. La rimozione di websearches dai browser.

Da Chrome:
Cliccate sulle barrette orizzontali in alto a destra.
Dal menù a tendina selezionate “Impostazioni”
Ora, alla voce “All’avvio”, cliccate su “Imposta pagine” ed eliminate cliccando sulla X della voce “http://istart.webssearches.com” o di tutte le voci simili.

Da Firefox
Cliccate sulle solite barre orizzontali in alto a destra, poi opzioni e alla voce pagine iniziali eliminate le voci “incriminate” inserendo come pagina iniziale una qualsiasi di vostro gradimento.

Da I.E.
Stessa procedura: cliccate sull’icona a forma di ruota dentata e poi su opzioni internet, pagina iniziale, selezionate le pagine indesiderate e sostituitele con la vostra preferita.

Step 3

Ricordate in tutti e tre i casi, se l’hijacker ha installato un “addon” o una “toolbar”, occorre rimuoverla:

Chrome:
Cliccate sulle solite barre orizzontali in alto a destra e selezionate la voce Strumenti > Estensioni dal menu. Nella scheda che si apre, cliccate sull’icona del cestino collocata accanto al nome della toolbar.

Firefox:
Cliccate sul pulsante arancione in alto a sinistra e selezionare la voce Componenti aggiuntivi. Nella scheda che si apre, seleziona la barra degli strumenti da cancellare e clicca sul pulsante Rimuovi

I.E.:
Cliccate sull’icona dell’ingranaggio in alto a destra e selezionare la voce Gestione componenti aggiuntivi. Individuate la toolbar da rimuovere, selezionatela e cliccare sul pulsante Rimuovi.

Step 4

Tutto quello che abbiamo detto potrebbe non essere sufficiente. Occorre allora affidarsi a strumenti specializzati nella ricerca e rimozione dei software “malevoli”, come “AdwCleaner” o “Malwarebytes Anti-Malware”, quest’ultimo tra i più efficaci. Basta scaricarli (le versioni per uso privato sono gratuite) e seguire le istruzioni, effettuando una scansione del sistema e cancellando i file che verranno individuati come malevoli.
Questo dovrebbe bastare, perché saranno esaminati tutti i file, incluse le modifiche nascoste ai file di sistema e le installazioni “subdole“. Se anche questo non dovesse funzionare, dobbiamo ricorrere all'”arma definitiva“.

Step 5

A volte puo’ essere necessario ripristinare completamente le impostazioni iniziali del browser, in modo da cancellare tutte le modifiche, comprese quelle indesiderate.

In Chrome: icona menù con le barre orizzontali in alto a destra> impostazioni > mostra impostazioni avanzate > reimposta impostazioni del browser.

In Firefox: menù (barre orizzontali in alto a destra) > pulsante aiuto (punto interrogativo) > risoluzione dei problemi > ripristina Firefox > fine.

In I.E.: icona strumenti (ruota dentata) > opzioni internet > avanzate > reimposta > ripristina impostazioni di I.E. > ripristina.

Alla fine di tutte queste operazioni, è sempre consigliabile riavviare il sistema.

Approfondimenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi