Le Novità Presentate al Google I/O 2016

su
Gnius
immagine al post Le Novità Presentate al Google I/O 2016

Cosa è il Google I/O

Più o meno tutte le società di tecnologia, specialmente quelle con sede in California, hanno l’abitudine di fare annulamente degli eventi in cui presentano a tutti gli esperti del settore, i tecnici e tutti coloro che sono interessati, i progressi compiuti dai propri progetti e le novità in arrivo. Google non è da meno e le novità presentate al Google I/O 2016 sono tante, il carnet dei progetti di Google si arricchisce di anno in anno. Vi presentiamo quelli che a noi sono sembrati più interessanti.
Terminato solo 10 giorni fa, come sempre Google stupisce con la semplicità del suo approccio.
Un dj usa la sua musica per sottolineare un video coloratissimo proiettato su tutto il palco, ed eccolo, dopo i brevi applausi di rito, inizia grazie al CEO di Google Sundar Pichai il Google I/O 2016. Questo in sostanza è il rapido riassunto dei prima momenti del keynote del Google I/O.

Android N e le altre novità del Google I/O 2016

Come tutti gli anni gli sviluppatori e gli esperti di Android aspettavano il Google I/O per vedere all’opera la futura versione di Android al momento chiamata Android N.
Tuttavia Google ci ha stupito rilasciando la developers preview con circa due mesi di anticipo. Tuttavia la versione mostrata al Google I/O è ufficialmente la prima Release Candidate del futuro Android. Fra l’altro se siete interessati potete proporre il vostro nome che sarà il nome ufficiale che verrà dato Android N!

Google Assistant

Naturale evoluzione dell’attuale Google Now, Google Assistant è stato presentato tra le  novità proposte all’annuale Google I/O. Il nuovo Assistant sarà in grado di instaurare una conversazione con l’utente. Tutto questo lavoro viene fatto per rendere gradevole la conversazione con Google Assistant che si integrerà molto di più con l’ecosistema delle App tanto che la nuova app di conversazione presentata, Allo, ci permetterà di chattare direttamente con Assistant

Volete comunicare più rapidamente ed in maniera migliore? Ci pensa la nuova Google Allo. Allo è la app di messaggistica presentata  al Google I/O introducendo non poche novità, come le conversazioni criptate, le chat con scadenza, che si cancellano dopo un periodo di tempo prestabilito e la possibilità di interagire direttamente con Google Assistant. Non solo, secondo il contesto della conversazione, Allo si preoccuperà di rispondere al nostro posto come faremmo noi!

Interessante è anche Duo. L’applicazione di videochiamata offre l’interessante capacità di permettere di trasmettere in anteprima quello che sta succedendo in attesa che il chiamato risponda, basta vedere il video qui sotto per farsi un’idea.

Play Store e App Android gireranno su Chrome OS

Fra le tante novità introdotte al Google I/O 2016 ce n’è una particolarmente interessante per gli sviluppatori Android che vedranno crescere il loro parco utenti e non di poco visto il sorpasso dei Chromebook a danno dei MacBook. Infatti Google sta per introdurre il Play Store anche su Chrome OS il sistema operativo dei Chromebook. Ovviamente la novità è molto interessante ma non correte a cercare il Play Store sul vostro Chromebook, al momento solo alcuni modelli saranno supportati. Tra i modelli supportati avremo il Chromebook Pixel di Google. Altri dispositivi ottimizzati per questa caratteristica saranno presentati nel corso dell’anno. Tuttavia all‘inizio di Giugno la funzionalità sarà disponibile sull’Asus Chromebook Flip, il già citato Chromebook Pixel (2015) e l’Acer Chromebook R11.

Le App Android dovranno adottare alcuni semplici accorgimenti per essere utilizzate sui Chromebook. Ecco un elenco non esaustivo tratto dal blog ufficiale.

Le App Android saranno mostrate in 3 differenti dimensioni per permettere di ottimizzare la grafica delle App.
Gli utenti potranno utilizzare più app in contemporanea in perfetto multitasking con la grafica di Chrome OS ed in contemporanea ad una finestra del browser.
L’interazione con l’utente sarà gestita indifferentemente da schermi touch, mouse e tastiera.
Le notifiche delle App Android in esecuzione sul Chromebook, saranno mostrate sul Chromebook stesso.

Una importante novità che espanderà non solo il parco app dei Chromebook ma anche il pubblico delle App Android che potranno ricevere maggiore attenzione e cura nello sviluppo.

Daydream VR la proposta di Google per la Realtà Virtuale

Un’altra grossa novità è la piattaforma presentata da Google per la realtà virtuale il Daydream VR. La piattaforma Daydream VR sarà integrata in Android N e permetterà agli smartphone che avranno la certificazione di utilizzare questa tecnologia. Durante il Google I/O è stato fatto notare che molto probabilmente nessuno dei device attualmente in circolazione o di prossima uscita riceverà la certificazione visto che Google sta ancora lavorando alla piattaforma hardware di supporto per la nuova piattaforma. Quello che vi consigliamo se avete voglia di giocare con questa nuova tecnologia è di aspettare questo inverno quando verrà rilasciato il primo smartphone con supporto completo a DayDream VR. Per avere più informazioni vi rimandiamo al sito ufficiale di Daydream VR.

Ovviamente le novità non finiscono qui Google ha presentato anche l’evoluzione del Project Abacus che tramite la convivenza tra lo smartphone ed il proprietario e la registrazione di parametri quali lo stile dalla camminata, la voce, il modo di impugnare ed usare il telefono permetterà di accedere allo smartphone senza usare password.

Google Home è invece la risposta di Google ad Amazon Echo. Uno strumento che si integrerà con la casa e tramite comandi vocali e Google Now permetterà di avere informazioni in tempo reale, ad esempio sul traffico, mentre ci prepariamo la colazione: ma funzionerà anche da altoparlante per poter trasmettere la propria musica.
A metà strada tra un maggiordomo ed una segretaria ascolterà i nostri comandi vocali e risponderà alle nostre domande. L’unica cosa di cui avrà bisogno sarà una connessione ad internet.

La nostra breve selezione ha solo scalfito la tre giorni di Google che si è tenuta tra il 18 ed il 20 Maggio tuttavia potete trovare i video e tutte le informazioni che cercate sul Google I/O 2016 sul sito ufficiale.

Approfondimenti