Amazon Pixel

Sviluppatore web: chi è e come formarsi per diventarlo

su
Gnius
immagine al post Sviluppatore web: chi è e come formarsi per diventarlo

Con la rapida digitalizzazione in corso il web ha un ruolo di enorme rilevanza nelle nostre vite. Questo genera la domanda di professionisti che sappiano creare siti, applicazioni e piattaforme in linea attraverso le quali impariamo, facciamo acquisti, lavoriamo e molto altro. Lo sviluppatore web è una delle figure centrali in questo senso, al momento molto richiesta sul mercato del lavoro. Scopriamo allora in modo più approfondito che cosa fa lo sviluppatore web e come studiare per diventarlo.

Sviluppatore web

Foto di Free-Photos da Pixabay

Che cosa fa lo sviluppatore: differenze tra front end, back end e full stack

Lo sviluppatore web ha il compito di realizzare siti o applicazioni web utilizzando i linguaggi di programmazione, rendendoli funzionali, intuitivi e sicuri per gli utenti.

Lo sviluppatore front end si occupa della parte visibile del sito, ovvero dell’interfaccia con cui l’utente interagisce. Oltre a collaborare con il web designer per la parte grafica fa in modo che gli elementi interattivi del sito o dell’applicazione funzionino a dovere.

Lo sviluppatore back end, al contrario, si concentra sulla parte del sito che non vediamo scrivendo il codice che lo fa funzionare dietro le quinte.

Unendo entrambi gli aspetti, lo sviluppatore full stack lavora sia sul front end che sul back end, integrandoli e occupandosi così dell’intero progetto di programmazione.

Imparare a programmare: università, corsi professionali o corsi gratuiti?

Un possibile percorso per diventare sviluppatore web è iscriversi all’università presso le facoltà di Informatica, Ingegneria informatica o Scienze informatiche. In questo modo, oltre alle basi della programmazione, si impara anche come studiare e gestire il proprio tempo al meglio. Questa strada può essere indicata per i più giovani e chi voglia dedicare anni a prepararsi e formarsi prima di entrare nel mondo del lavoro.

Chi non abbia la possibilità o l’intenzione di intraprendere un lungo percorso universitario può trovare molte risorse online che insegnano le basi della programmazione, alcune anche gratuite. In questo caso bisogna però sapere come separare gli strumenti validi da quelli poco affidabili, non sempre facile per chi inizia da zero.

Iscriversi a un corso professionale intensivo come quelli organizzati da aulab è un modo per diventare sviluppatori full stack in pochi mesi, imparando i linguaggi di programmazione più usati e al tempo stesso esercitandosi a lavorare in team con le Metodologie Agili. Questa opzione concilia una formazione più rapida rispetto al percorso universitario con solide basi teoriche e pratiche per iniziare subito a lavorare come sviluppatore web.

Fare esperienza sul campo e creare un buon portfolio

Trattandosi di un lavoro pratico in cui le abilità reali contano ben più delle conoscenze teoriche, per diventare sviluppatore web e farsi assumere bisogna creare un buon portfolio. Qui si raccoglieranno tutti i progetti realizzati, sia durante il percorso di studi che in modo indipendente.

Ai potenziali datori di lavoro, infatti, interessa la prova che uno sviluppatore web conosca i linguaggi e gli strumenti necessari per il progetto. Per questo una raccolta di siti e applicazioni realizzati aiuta molto più di un curriculum a trovare lavoro in questo campo.

La gavetta su progetti anche minori contribuisce a rafforzare ciò che si è appreso durante la formazione, oltre a imparare o approfondire aspetti su cui si è più deboli.

Per continuare a crescere e partecipare a progetti sempre più complessi e interessanti è infine necessario aggiornarsi continuamente sulle novità nel campo. Per farlo ci si può iscrivere a comunità dedicate alla programmazione, seguire siti e pubblicazioni specialistiche oppure partecipare a conferenze e seminari sulle ultime tendenze del settore.

Dopo essersi formati e aver acquisito le conoscenze teoriche e pratiche per diventare sviluppatore web si possono scegliere diverse strade. Ci si può per esempio specializzare in uno o più linguaggi, nei già citati back end o front end, o diventare sviluppatore full stack. È inoltre possibile scegliere di lavorare in proprio come freelance o trovare un impiego fisso presso un’azienda. Le possibilità, insomma, non mancano: quella dello sviluppatore web è una carriera sempre stimolante e ricca di opportunità di crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi