Slat con il progetto The Ocean Cleanup salverà il Mare Inquinato?

su
Gnius
immagine al post Slat con il progetto The Ocean Cleanup salverà il Mare Inquinato?

Ocean Cleanup sarà la soluzione per pulire il mare inquinato dalla plastica?
Speriamo di si per un nostro futuro.

La plastica a mare ce ne è a bizzeffe, troppa e troppo resistente per essere smaltita naturalmente.
L’inquinamento è un problema che ci affligge da molti anni.
Quello della plastica mare inquinato è sempre più in crescita.
Un po’ perché ogni oggetto è realizzato in plastica e noi umani ce ne portiamo dietro veramente tanta.
Molta colpa degli esseri umani per la maleducazione verso lo smaltimento dei rifiuti, non siamo abituati al riciclo degli oggetti.
Bisogna correre ai ripari prima che sia veramente troppo tardi.

Ocean Cleanup 1

Boyan Slat è un giovane americano appassionato di immersioni.
Durante un’immersione è rimasto sconvolto dal grande mare inquinamento dalla plastica.
Questo ragazzo, grazie alla sua grande passione decide di voler realizzare un progetto chiamandolo Ocean Cleanup.

Ocean Cleanup Come Funziona

Ocean Cleanup nasce dall’idea di questo giovanotto che convinto del suo progetto decide di mettere su un crowdfiunding.
Con Ocean Cleanup Crowdfunding riesce a raccogliere più di 30 milioni di dollari.
Inizia così la battagli per liberarsi della plastica oceanica.
Due terzi delle donazioni sono state donate dalla Silicon Valley.
Salt, creando la sua azienda, ha in mente di realizzare una flotta di collettori di rifiuti galleggianti.
Questa sarà in gradi di ripulire fino al 50% delle acque dell’Oceano Pacifico dalla plastica in soli cinque anni.

Immaginate quanti contrasti di opinione, ma Salt non si fa scoraggiare.
Guardate l’Ocean Cleanup video e vedrete come funziona.

Il progetto funziona in questo modo:
il sistema di pulizia Ocean Cleanup sfrutta con i suoi collettori flottanti le correnti marine.
Infatti questi vengono ancorati in uno strato profondo delle acque oceaniche e per sfruttare in modo naturale le correnti marine.
In questo modo la plastica che inquina le acque dei nostri mari finirà naturalmente nella zona di raccolta della spazzatura.
Una volta al mese poi si farebbe il giro organizzato per svuotare le zone di accumulo di plastica.

I detriti raccolti saranno riciclati in pellet e poi Slat li venderà ad aziende che fabbricheranno merci Ocean Cleanup.
Come per esempio vetri neri per occhiali da sole specifici per lo sport e molte altre idee e soluzioni.

Approfondimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi