Bosch lancia i sensori MEMS, curiosi di capire come utilizzarli?

su
Gnius
immagine al post Bosch lancia i sensori MEMS, curiosi di capire come utilizzarli?

Bosch lancia i sensori MEMS, ma cosa sono?
Bosch Sensortec presenta i MEMS BHI260 e BHA260 i nuovi sensori smart,
che presto saranno disponibili per AR e VR, per dispositivi mobili e diverse applicazioni.
Nuovi gadget che vi faranno cambiare il modo di vivere il suono.

Bosch lancia i sensori MEMS

Bosch lancia i sensori MEMS

Tuttavia i sensori MEMS cosa sono esattamente?
Sono dei piccoli sensori ad alta efficienza energetica e di ultima generazione,
dotati di coprocessori che offrono elevate performance di ascolto.
Questi riescono a rimanere sempre attivi, e sono in grado al contempo di ridurre notevolmente il consumo energetico del sistema, nei dispositivi mobili a batteria.

I sensori MEMS aggiornati possiedono anche un nuovo MCU, questo è molto potente e integrato in un unico assetto di dimensioni ridottissime,
che permette non solo di operare su uno specifico processore, ma di lavorare anche in stand alone per il collegamento di diversi dispositivi esterni.

Come funzionano i nuovi Hub di Bosh Sensortec?

La presentazione della nuova generazione di hub di sensori smart è stata fatta da Bosh Sesortec a San Jose in California.
Questi nuovi dispositivi sono stati ottimizzati per essere attivi 24 ore su 24 e sette giorni su sette, incidendo il meno possibile sulla durata della batteria.

Grazie all’ausilio di un potente coprocessore integrato e l’impiego dei nuovi sensori MEMS:
BHI260 e BHA260, questi sono in grado di gestire sia l’elaborazione dei sensori sia la memoria buffer,
senza incidere obbligatoriamente sul processore principale, infatti questi funzionano anche come dispositivi stand-alone.

Rispetto alle altre soluzioni hub esistenti, quelli proposti da Bosch con l’integrazione dei sensori MEMS di seconda generazione, hanno un’elaborazione superiore,
mantenendo comunque prestazioni di altissimo livello nel comparto energetico.
Questa soluzione è ideale per dispositivi con applicazioni sempre operative come quelle installate sui fitness tracker, i sistemi di navigazione indoor, o i programmi per il riconoscimento dei gesti.

I nuovi MEMS integrati sono da 16 bit, e presentano un’unità IMU a 6 assi nel primo sensore BHI260 e uno a 3 assi nel secondo, BHA260.
Questi possono essere inseriti con estrema facilità in prodotti dalle dimensioni ridotte come i componenti hearable e wearable.
Questi infine, verranno immessi sul mercato per applicazioni di larga scala a partire dalla seconda metà del 2018.

Approfondimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.